La pressione della caldaia è un valore fondamentale che permette il corretto funzionamento del dispositivo che si occupa di produrre acqua calda sanitaria. È importante sapere come accorgersi di un grave problema come la pressione troppo alta cioè superiore ai due bar, e come intervenire prima che rovini parti essenziali come lo scambiatore di calore.

Come accorgersi della pressione troppo alta della caldaia

Quando si tratta di pressione troppo alta della caldaia, potrebbe non essere immediato accorgersene. Infatti, i segnali non sono così evidenti come capita nel caso della pressione troppo bassa. Tuttavia, ciò non significa che non esistano campanelli d’allarme da poter osservare.

Se la pressione della caldaia dovesse essere troppo alta, oltre ad essere indicato sull’apposito manometro, possono esserci delle perdite di acqua. Alcuni possono notare che i termosifoni gocciolano sul pavimento. Inoltre, se la pressione della caldaia dovesse superare i tre bar mentre è accesa, si apre automaticamente una valvola che fa uscire dell’acqua in eccesso facendo quindi ritrovare qualche gocciolina ai piedi del dispositivo che produce acqua calda per l’impianto termosanitario.

Che cosa fare in caso di pressione della caldaia troppo alta

Dopo avere capito brevemente quali sono i principali campanelli d’allarme di questo problema, arriva il momento di dare qualche informazione in più sul da farsi. Se la pressione della caldaia dovesse essere troppo alta, occorre spegnere immediatamente il sistema di riscaldamento. Fatto ciò, bisogna sfiatare tutti i termosifoni.

In sostanza, bisogna aprire con una chiave idraulica oppure semplicemente le mani la valvola di sfiato dalla quale far uscire tutta l’aria, la condensa e il vapore acqueo. Se dopo aver fatto questa operazione e aver aspettato almeno una mezz’ora, non dovessero esserci risultati, oppure procedere di nuovo allo sfiato ma facendo uscire questa volta un po’ di acqua in più.

Naturalmente, se tutto ciò non dovesse dare i frutti sperati o si ritenesse poco saggio mettere mano in prima persona all’impianto di riscaldamento, meglio fare affidamento al pronto intervento. Per info e / o prenotazioni, vai su www.assistenzacaldaiaroma.com

Di Grey